Numero verde

Gruppo Farmaimpresa

Product & consulting

Le malattie cardiovascolari (CVD) sono un insieme di disturbi che colpiscono la vascolarizzazione del cuore, del cervello e dei tessuti periferici e rimangono la principale causa di morte a livello globale. La causa più comune delle malattie cardiovascolari è l'aterosclerosi, che ha inizio da una reazione infiammatoria dell'endotelio vascolare. Le origini di queste lesioni endoteliali non sono ancora del tutto chiarite, ma tra i fattori coinvolti vi sono: l'aumento cronico della pressione arteriosa; l'iperglicemia prolungata e la conseguente formazione di prodotti finali di glicazione avanzata; l'aumento delle lipoproteine, in particolare delle molecole che hanno subito modifiche ossidative; lo stress ossidativo e l'infiammazione. Con l'invecchiamento si verificano una serie di cambiamenti nel metabolismo, noti come "sindrome metabolica". La sindrome metabolica include l'accumulo di massa grassa nel compartimento addominale, il passaggio a un profilo lipidico più aterogeno, l'iperinsulinemia, l'insulino-resistenza e l'intolleranza al glucosio. La conseguenza di questi cambiamenti è un aumento del rischio di malattie coronariche, ictus e altre patologie vascolari aterosclerotiche, tra cui l'arteriopatia periferica, l'aorta aterosclerotica e la carotide.

Un effetto bioattivo sul metabolismo lipidico, che comporta una riduzione dei livelli di colesterolo totale (TC), colesterolo delle lipoproteine a bassa densità (LDL-C) e trigliceridi (TG), è stato dimostrato nel corso di studi su alcuni elementi dietetici vegetali, quali: mandorle, carciofi, crespino, curcumina, zenzero, psillio, sesamo, cacao e noci.

Le donne hanno un rischio maggiore di sviluppare malattie cardiovascolari dopo la menopausa a causa della carenza di estrogeni e della disregolazione del metabolismo lipidico. La perdita della funzione endocrina ovarica come risultato dell'ipoestrogenismo cronico è il principale sintomo fisiologico associato alla menopausa. La produzione giornaliera di estrogeni nelle donne in postmenopausa è di 0,045 mg, rispetto a 0,35 mg durante il periodo riproduttivo, il che si riflette in concentrazioni sieriche di estrogeni di 10-20 µg/mL e 40-400 µg/mL, rispettivamente. La carenza di estrogeni osservata in menopausa porta a vari disturbi metabolici, tra cui il metabolismo lipidico. I livelli di colesterolo totale (TC), colesterolo delle lipoproteine a bassa densità (LDL-C) e trigliceridi (TG) aumentano durante la menopausa e nel periodo postmenopausale. A loro volta, i livelli di colesterolo delle lipoproteine ad alta densità (HDL-C), dopo un iniziale aumento durante la transizione menopausale, diminuiscono gradualmente durante la tarda menopausa. La dislipidemia è uno dei più importanti fattori di rischio per le malattie cardiovascolari, che può essere corretto e prevenuto. Gli integratori botanici come i semi di lino, la soia e il trifoglio rosso sono ricche fonti di composti bioattivi che influenzano il metabolismo dei lipidi.

I benefici dei semi di lino:

I benefici del consumo di frazioni intere dei semi di lino (Linum usitatissimum L.), come le proteine, l'olio e le mucillagini, sono legati alla presenza di specifiche sostanze bioattive. Il contenuto proteico dei semi di lino varia dal 10 al 31%, con quantità maggiori di arginina, acido aspartico e glutammico rispetto agli altri aminoacidi. I semi di lino contengono anche il 40% di grassi e il 25-28% di fibre, di cui il 25% in forma solubile. Inoltre, circa il 38-45% della massa dei semi di lino contiene olio e il 55-68% è farina. I semi di lino sono una ricca fonte di ingredienti bioattivi come l'acido α-linolenico (ALA) e l'acido linoleico. Inoltre, i semi di lino contengono sostanze fitochimiche come il complesso dei lignani: il secoisolariciresinolo diglucoside (SDG), il glucoside dell'acido cinnamico e l'acido idrossimetilglutarico. L'olio di semi di lino e i suoi composti attivi, in particolare il secoisolariciresinolo diglucoside (SDG) e i suoi metaboliti, sopprimono il danno infiammatorio dei tessuti causato dallo stress ossidativo. Il secoisolariciresinolo diglucoside (SDG) può anche ridurre direttamente il colesterolo sierico modulando gli enzimi 7α-idrossilasi e acil-coenzima A: colesterolo aciltransferasi, entrambi coinvolti nel metabolismo del colesterolo. L'ALA fornito riduce la produzione di acido arachidonico (AA) e di conseguenza, diminuendo gli eicosanoidi proinfiammatori, porta a una riduzione del processo infiammatorio.

L’efficacia della soia sulla regolazione del metabolismo lipidico

La soia (Glycine max L.) è una fonte significativa di proteine (~36-40%), lipidi (~20%) e fibra alimentare (~9%) (sulla base del peso secco dei semi crudi maturi) e di sostanze fitochimiche come isoflavoni, fitosteroli e lecitine, che possono agire collettivamente o attraverso meccanismi indipendenti. I due principali peptidi proteici, la β-conglicinina (βCG) e la glicinina, comprendono l'80-90% delle proteine totali della soia e influenzano il metabolismo dei lipidi. Inoltre, la soia è una ricca fonte di acidi grassi essenziali. Gli acidi grassi polinsaturi (principalmente acido linoleico e acido alfa-linolenico), monoinsaturi (acido oleico) e saturi (principalmente acido palmitico) comprendono rispettivamente circa il 63%, il 23% e il 14% del contenuto totale di grassi della soia e hanno un impatto sul livello dei lipidi. Gli altri principali composti bioattivi della soia sono gli isoflavoni, associati alle proteine della soia. Gli isoflavoni sono presenti in grandi quantità nella soia sotto forma di glicosidi, come la genistina, la daidzina e la glicitina, o nelle loro forme aglicone, la genisteina, la diadzeina e la gliciteina. Gli isoflavoni della soia, con somiglianze strutturali con il 17β-estradiolo endogeno, rivelano i loro effetti biologici attraverso l'attivazione dei recettori degli estrogeni (ER) con una maggiore affinità per ER-β, rispetto a ER-α. Sebbene l'affinità per il recettore degli estrogeni da parte degli isoflavoni della soia sia 100-1000 volte inferiore a quella degli estrogeni naturali, nel plasma possono comparire concentrazioni di isoflavoni più di mille volte superiori a quelle degli estrogeni endogeni. Gli isoflavoni della soia, legandosi ai recettori degli estrogeni (ER), determinano l'attivazione dei geni e hanno effetti benefici sul metabolismo lipidico.

Sono stati registrati numerosi altri meccanismi di regolazione del metabolismo lipidico senza la mediazione del recettore degli estrogeni, tra cui l'aumento dell'espressione della 3-idrossi-3-metilglutaril-CoA reduttasi (HMGCR), che porta a una diminuzione dei livelli di colesterolo e TG; l'aumento dell'espressione del recettore attivato dal perossisoma proliferatore (PPAR) e l'attivazione della proteina chinasi attivata dall'AMP (AMPK), con conseguente aumento dell'espressione dei geni coinvolti nel metabolismo delle lipoproteine; la diminuzione dell'espressione della proteina legante l'elemento regolatore degli steroli (SREBP-1) e l'aumento dell'espressione della SREBP-2, che sopprime la sintesi e l'assorbimento del colesterolo nel fegato; l'inibizione dell'espressione e dell'attività della sterol regulatory element binding protein-1c (SREBP-1c) e della carbohydrate response element binding protein-1 (ChREBP), proteine che favoriscono l'espressione dei geni lipogenici e degli enzimi chiave coinvolti nella lipogenesi de novo; la promozione del metabolismo delle HDL-C e dell'assorbimento, dell'utilizzo e del catabolismo degli acidi grassi; e la modulazione degli effetti su diversi enzimi importanti nella trasformazione dei lipidi, come la lipoproteina lipasi (LPL), la lipasi epatica (HL) (chiamata anche trigliceride lipasi epatica (HTGL)) e la 7alfa-idrossilasi.

Gli effetti del trifoglio rosso:

Il trifoglio rosso (Trifolium pratense L.) contiene una certa quantità di proteine e grassi irrilevanti dal punto di vista dell'alimentazione umana. È anche ricco di sostanze bioattive utilizzate in medicina. Gli isoflavoni del trifoglio rosso mostrano un meccanismo d'azione sul metabolismo lipidico diverso da quello degli isoflavoni della soia, dovuto alla diversa composizione degli isoflavoni contenuti. I chicchi di trifoglio rosso contengono concentrazioni maggiori di formononetina e biocanina A e concentrazioni minori di daidzeina e genisteina rispetto alla soia. Questa composizione suggerisce che la parità di produzione può essere meno rilevante. Gli isoflavoni del trifoglio rosso con somiglianze strutturali con il 17-β-estradiolo endogeno rivelano i loro effetti biologici attraverso l'attivazione dei recettori degli estrogeni (ER) con una maggiore affinità per ER-β, rispetto a ER-α, che media il metabolismo del colesterolo. Inoltre, negli isoflavoni del trifoglio rosso sono stati riportati diversi effetti non ormonali, tra cui l'inibizione della tirosina chinasi, l'attività antiossidante e gli effetti sul trasporto ionico. L'estratto di trifoglio rosso e gli isoflavoni genisteina e biocanina A possono anche regolare il metabolismo lipidico senza la mediazione dei recettori degli estrogeni, nonché aumentare l'espressione di PPAR alfa e attivare l'AMPK, con conseguente aumento dell'attività dei geni coinvolti nel metabolismo delle lipoproteine.

Lo scopo di questo studio è stato quello di determinare l'impatto dei semi di lino, della soia e del trifoglio rosso e delle loro sostanze bioattive sul profilo lipidico delle donne in postmenopausa nella prevenzione cardiovascolare.

La meta-analisi indica che l'assunzione di semi di lino da parte delle donne in postmenopausa è associata a una riduzione statisticamente significativa dei livelli di colesterolo totale (TC) (differenza media ponderata (WMD) = -0,26; intervallo di confidenza (95% CI): -0,38 a -0,13; p = 0,0001), dei livelli di colesterolo lipoproteico a bassa densità (LDL-C) (WMD = -0,19; 95% CI: -0,30 a -0,08; p = 0,0006) e dei livelli di colesterolo lipoproteico ad alta densità (HDL-C) (WMD = -0,06; 95% CI: -0,11 a -0,01; p = 0,0150). L'effetto delle proteine di soia sul profilo lipidico ha mostrato una riduzione significativa dei livelli di TC: WMD = -0,15; 95% CI: -0,25-0,05; p = 0,0048, livelli di LDL-C: WMD = -0,15; 95% CI: -0,25-0,05; p = 0,0067, nonché un aumento significativo dei livelli di HDL-C: WMD = 0,05; 95% CI: 0,02-0,08; p = 0,0034. I cambiamenti nel profilo lipidico hanno mostrato una riduzione significativa dei livelli di colesterolo totale (TC) dopo l'uso del trifoglio rosso (WMD = -0,11; 95% CI: -0,18--0,04; p = 0,0017) e un aumento significativo dei livelli di HDL-C (WMD = 0,04; 95% CI: 0,01-0,07; p = 0,0165). Questa meta-analisi fornisce la prova che il consumo di semi di lino, soia e trifoglio rosso può avere un effetto benefico sui lipidi nelle donne in postmenopausa e suggerisce un effetto favorevole nella prevenzione delle malattie cardiovascolari.

Se la tua azienda vuole sviluppare e/o realizzare un prodotto nella prevenzione delle malattie cardiovascolari, contattaci: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Fonte: Błaszczuk, A.; Barańska, A.; Kanadys, W.; Malm, M.; Jach, M.E.; Religioni, U.; Wróbel, R.; Herda, J.; Polz-Dacewicz, M. Role of Phytoestrogen-Rich Bioactive Substances (Linum usitatissimum L., Glycine max L., Trifolium pratense L.) in Cardiovascular Disease Prevention in Postmenopausal Women: A Systematic Review and Meta-Analysis. Nutrients 202214, 2467.